+39 349 4700295 katiusciaberretta@gmail.com
Come le percezioni amplificano lo stress

Come le percezioni amplificano lo stress

Tempo di lettura: 2 minuti

Nella nostra vita, crescendo, costruiamo modelli di percezione della realtà che poi usiamo per riconoscere le cose con cui entriamo in contatto. Le esperienze passate, l’educazione e alcuni fattori innati forgiano la nostra percezione del mondo ed esercitano un’influenza significativa sulle nostre risposte comportamentali. Le percezioni ci permettono di collocare tra i modelli conosciuti le esperienze che attraversiamo, da cui poi scaturisce una valutazione (ad esempio: si tratta di una minaccia).

Le nostre reazioni agli stressor avvengono spesso senza che ce ne accorgiamo. Si tratta di automatismi consolidati attraverso la ripetizione, strategie che in diverse circostanze della vita si sono rivelate per noi utili o risolutive.

Se i nostri schemi si sono consolidati, ciò dipende dal fatto che ci siamo affidati a essi tante volte. Coltivare una mente consapevole è il modo più efficace per riconoscere che non funzionano sempre, e per esplorare nuovi percorsi. 

La chiave essenziale di ogni lavoro di consapevolezza è conoscere gli schemi che guidano le nostre reazioni, entrarci in intimità al punto da vederli come delle opzioni nel ventaglio di possibilità che ogni momento di vita offre. Potremmo notare che certi terreni sono ormai aridi mentre altri sono più fertili.  Dalle parole di Victor Frankl, psichiatra scampato ai campi di concentramento, sappiamo che «Fra stimolo e risposta c’è uno spazio. In quello spazio risiede il potere di scegliere la nostra risposta. Nella risposta risiede la nostra libertà e la nostra crescita».

Con la pratica possiamo cogliere quello spazio di libertà: gradualmente, possono delinearsi percorsi non esplorati e, allo stesso tempo, i vecchi possono perdere la loro solidità.

percezione stress

Tutto dipende dal fatto che il cervello è plastico, cioè prende forma con le esperienze che attraversiamo. Il nostro organismo possiede una innata capacità di “fluire con la vita”, di adattarsi con flessibilità alle richieste di cambiamento a cui è costantemente esposto. La pratica di consapevolezza si sta dimostrando in grado di modellare la mente e dare forma al cervello nel modo più vicino possibile alle nostre aspirazioni e ai bisogni naturali che ci appartengono come esseri umani.

Per approfondimenti:

Il Genio Dentro – di Katiuscia Berretta (Bruno Editore, 2019)

Top-down influences and the power of habits

Top-down influences and the power of habits

Tempo di lettura: 5 minuti

In The Marriage of Heaven and Hell, William Blake expressed a wonderful truth: “If the doors of perception were cleansed, everything would appear to man as it is, Infinite”.

To some extent, the expertise coming from our old learnings is crucial for us to take steps forward, to improve our knowledge and to allow ourselves to enhance our abilities.  Without learning from the past experiences, we would need to learn every time the same things, what we already know, and our evolutionary process would not have gone so far.  However, when the set of models that composes our expertise is used as a filter to meet the present moment, the main risk is to miss the richness of life with the multitude of possibilities that it offers. Without being aware of it, we find ourselves being in relationship with a narrow, limited and rigid world to which we rely to create definitions of ourselves, of the others, of the experience. Life is definitely more fluid than a model and, for sure, is less repetitive.

When models and habits replace reality, our identity loses a lot of those precious dimensions, that we could express in many fields of life, such as creative thinking, decision making, inspiring others and so on.

And, together with preventing us from taking the right opportunities at work, this is able to generate a lot of suffering in our lives.

It can become a sort of “not-living” life, imprisoned by a subjective world, made of restrictions, repetitions, habits and distortions, overlying the reality, guiding actions and behaviors with the same power as a universal rule.

It seems worth to introduce here what in literature is well-known as “Top-Down” and “Bottom-Up” experience processing in the brain. In very simple words that are not expected to be rigorous but just helpful to give an idea, Top-Down processing is a way of experiencing things basing on cognitive models, perceptions (that have always something subjective) old learnings coming from past experiences, consolidated opinions and beliefs, something that is able to strongly influence the way we meet the moment-by-moment experience. When we say that we live in our minds instead of living in the experience we refer to the influence of this Top-Down system.

Bottom-Up processing instead, refers to a more direct contact with the stimuli, both internal and external, that less significantly influenced by higher cognitive models and by the stories the mind creates on the experience.

The more expertise we have, the more we are at risk of making them become a model that overlies the reality, unless the use of those learnings is only focused on improving our knowledge and avoiding making old mistakes. 

The difference between a wise mind and an “expert” mind does not rely only on how rich our expertise is, but rather on the use that the mind makes of it: the wise mind is open to approach the experience with the attitude of seeing, learning, discovering.

The “expert” mind refuses to truly meet the experience basing on the strong belief that it already knows what it is. Maybe we do not need a deep reflection to understand that the “expert” mind creates its own limitations and condemns itself to be slave of models and habits. In his book Zen Mind, Beginner’s Mind, Shunryu Suzuki Roshi states the following:

“In the beginner’s mind there are many possibilities, but in the expert’s there are few.”

The beginner’s mind is an unconditioned, free mind, a mind that, although aware of the old learnings, is able to see things with fresh eyes, a mind that fully meets the moment with all what the moment can offer. If we consider that our mind shapes our world, a beginner’s mind creates a spacious world, full of possibilities, where people can allow themselves to see new details, possible new combinations, to discover things that they were not even searching for. A beginner’s mind, in the way that Shunryu Suzuki defines it, is the best example of wise mind, and requires awareness, patience, curiosity, all qualities that can be trained and cultivated in our daily lives.

Authors:
katiuscia berretta

Katiuscia Berretta: Mindfulness-Based Stress Reduction Certified Teacher by the Center for Mindfulness, University of Massachusetts – Medical School. Experienced teacher of Organizational Mindfulness and its applications on health promotion, engagement and productivity, leadership development and innovation. Former member of the Neuroleadership Institute and Certified in “The foundation of Neuroleadership”. Tony Buzan Licensed teacher of Mind Mapping and teacher of Applied Innovation. Former employee at IBM where she worked for 16 years Katiuscia has been has been operating in the R&D workload automation area and, before that, as a Research Assistant at the Department of Mathematics – University of Rome “Tor Vergata”. She is certified in UX foundations by Career Foundry and in Insight Innovation – Leading for Creativity by IDEO (Tim Brown). Katiuscia is an experienced practitioner of Yoga and Insight Meditation and regularly attends seminars and silent meditation retreats. In her activities, Katiuscia integrates together technical and scientific expertise with a long time practice. In cooperation with Centro Italiano Studi Mindfulness by Mondomindful, she offers a secure guide for positioning mindfulness and innovation pathways in companies and organizations.

vicki flaherty

Vicki Flaherty: Vicki Flaherty, Ph.D. was part of IBM’s Leadership Development team. She helped IBM executives lead with clarity, intention, and authenticity and her passion is awakening humanity in the workplace. She led the mindfulness movement at IBM and helped IBMers lead with resilience. As an Industrial/Organizational Psychologist, her career is about helping people succeed through design of onboarding, mentoring, career development, leadership, and talent programs. Vicki has been an IBM Corporate Service Corps alumnus, an IBM Certified Consultant, and a member of IBM’s Coaching Community of Practice. She is a leadership facilitator and coach, speaks at global events about success, and she blogs about leadership. Traveling with her husband Jim, running and gardening are key ways she recharges and creates focus, and she finds great joy in yoga, reading inspirational books, journaling and writing, especially poetry. You can reach her at: LinkedIn and Twitter. You can follow her at her Leading with Intention blog or via the Mindfulness series on IBM’s Jobs blog.

I danni da sovraccarico di informazioni

I danni da sovraccarico di informazioni

Tempo di lettura: 3 minuti

Per raggiungere cinquanta milioni di utenti il primo telefono, dalla sua invenzione al suo comune utilizzo, ha impiegato settantacinque anni. La televisione per raggiungere lo stesso numero di utenti ne ha impiegati tredici. Sembra che il gioco Angry Birds abbia impiegato solo un mese e Pókemon Go circa venti giorni. Non è incredibile?

Il mondo di oggi offre possibilità mai esplorate né conosciute fino a poco tempo fa. Consente lo sviluppo di un’intelligenza collettiva in grado di migliorare la qualità e la collaborazione di ogni nostra attività. Il prezzo di questa abbondanza per la nostra attenzione, però, è davvero molto alto.

L’attenzione è veicolata ad afferrare l’oggetto più stimolante in un modo spesso non dipendente dalla nostra volontà. Se fossimo in grado di controllare questa funzione della mente, oggi probabilmente non saremmo qui; basti pensare alla prontezza con cui riusciamo a scongiurare un pericolo immediato.

Oggi poter disporre dell’attenzione è una capacità rara, nel mondo occidentale. Siamo costantemente sottoposti al quello che viene definito information overload (sovraccarico di informazioni), che tende ad aumentare significativamente il coefficiente di dispersione dell’attenzione.

Ne abbiamo la prova nella quotidianità, con il bombardamento a cui siamo sottoposti ogni giorno attraverso i nostri smartphone, i tablet e altri dispositivi.

Per sua natura, la mente è capace di filtrare i dati preservando ciò che è rilevante e vicino ai nostri bisogni.  E non fa che operare questa selezione praticamente per tutto il tempo che siamo svegli. Per essere scartate, le informazioni devono essere elaborate. Questo sovraccarico quindi affatica la mente anche quando percepiamo di essere a riposo.

L’impegno costante di rispondere al bombardamento continuo costringe il cervello a lavorare in quello che percepiamo come multitasking ma che multitasking non è.

In presenza di più stimoli che percepiamo come primari, l’attenzione non si distribuisce, ma oscilla dall’uno all’altro così da far credere che sia ferma e si stia frazionando. Lo spiega Daniel Goleman nel libro Focus (UR Biblioteca Univ. Rizzoli 2014). Questa modalità, apprezzata da alcuni e da molti altri considerata una necessità imposta dai nostri tempi, non è altro che una strategia, decisamente non salutare, adottata dal cervello per affrontare il sovraccarico di informazioni. Nel libro One Second Ahead (Ed. Palgrave Macmillan 2015) Rasmus Hougaard affronta il tema con lucidità e chiarezza.

In questa situazione, considerando che dall’attenzione dipendono tutte le nostre forme di apprendimento, nonché le relazioni, la capacità di comprensione di noi stessi e del mondo, è indispensabile un allenamento mentale per ridurre lo stress e la dispersione.

Abbiamo un bisogno urgente di coltivare quelle qualità della mente che ci permettono di comprendere quando diventiamo assuefatti a questa realtà, schiavi dell’abitudine di cercare stimoli senza accorgerci di annegare nell’oceano di informazioni in cui costantemente siamo immersi. Abbiamo la capacità di allenare l’attenzione a pacificare la mente e a restituirle lucidità.

L’attenzione è una risorsa di cui prenderci cura, in un training sostenuto dall’intenzione di occuparci di noi stessi e l’attitudine paziente, gentile, inclusiva con cui tratteremmo un caro amico.

Si chiama consapevolezza ma possiamo chiamarla in tanti modi diversi, trovando mille soluzioni, purché ce ne occupiamo: ha a che fare con la qualità della nostra vita, non solo con le nostre prestazioni.

L’attenzione è una risorsa di cui prenderci cura, in un training sostenuto dall’intenzione di occuparci di noi stessi e l’attitudine paziente, gentile, inclusiva con cui tratteremmo un caro amico.

Si chiama consapevolezza ma possiamo chiamarla in tanti modi diversi, trovando mille soluzioni, purché ce ne occupiamo: ha a che fare con la qualità della nostra vita, non solo con le nostre prestazioni.

pericolo sovraccarico informazioni